Gli scienziati russi hanno modellato il comportamento di un metallo in un reattore a fusione

Solo pochi giorni fa abbiamo riportato che il primo reattore a fusione ibrida verrà creato in Russia, ma il suo lavoro avrà bisogno di materiali speciali, e, come si è saputo, gli specialisti russi hanno sviluppato una tecnologia che permette in tempo reale a guardare come influenzerà il condizioni materiali di fusione. Ciò faciliterà notevolmente e accelerare la creazione di super-potenti ed energetico reattori efficienti.

Gli scienziati russi hanno modellato il comportamento di un metallo in un reattore a fusione

Lo sviluppo è svolta presso l'Istituto di Fisica Nucleare. Budker SB RAS, e le informazioni su di esso è pubblicato sulla rivista Physica Scripta. La nuova tecnologia troverà la sua applicazione nella progettazione in fase di costruzione del reattore a fusione nucleare ITER. Gli scienziati prevedono che la temperatura del plasma nella camera di ITER sarebbe di circa 150 milioni di gradi Celsius. I metodi tradizionali di analisi vengono applicate dopo l'esposizione al calore, in modo che non consentono di prevedere completamente il comportamento del materiale a tali carichi elevati. Il nuovo metodo permette di diagnosticare in tempo reale.

"Sul nostro banco di prova per creare BETA colpo di calore, stiamo utilizzando un potente fascio di elettroni. Dà relativamente poca luce ambiente, che di solito è un ostacolo. Così abbiamo monitorare lo stato della superficie della struttura della sua emissione termica e dispersione in esso della radiazione laser. La combinazione di riscaldamento e tecniche impulso da noi sviluppato permette il monitoraggio in tempo reale della superficie cambia. Abbiamo scoperto che il riscaldamento uniforme può formare la zona calda con sforzo maggiore. "

tungsteno Attualmente, il materiale più adatto per un reattore a fusione nucleare è considerato. Durante il riscaldamento del materiale pulsata espande notevolmente e quindi si restringe durante il raffreddamento e crepa. La nuova tecnologia permette agli scienziati russi per prevedere il comportamento di un metallo, in quanto il carico può essere di breve durata. In questo caso si dovrebbe prestare particolare attenzione.

"Nella durata dell'impulso riscaldamento meno di un millesimo di secondo, per la quale tungsteno ha il tempo di riscaldamento fino a diverse migliaia di gradi, abbiamo osservato la formazione di cricche in pochi secondi dopo l'impatto quando il materiale è raffreddato a temperatura ambiente."